Benvenuti nello STUDIO FINANZIARIO TM di Consulenza Finanziaria Indipendente dal 2004
Studio Finanziario TMStudio Finanziario TMStudio Finanziario TM
info@studioftm.it
41012 Carpi (MO)

Pianificazione Previdenziale

Assicurati un futuro pensionistico piacevole

La Pianificazione Previdenziale ha lo scopo di calcolare il fabbisogno monetario necessario durante il periodo pensionistico per compensare le minori entrate rispetto all’ultimo reddito percepito durante la fase lavorativa, evitando così di peggiorare la qualità della propria vita.

 Un’indagine Consob ha evidenziato che solo il 20 per cento degli italiani conosce quanti anni mancano prima della pensione e di quanto ammonterà l’importo mensile erogato dall’Inps, con la conseguenza di ricadere in una grave incoscienza su quanto sarebbe necessario risparmiare per mantenere il tenore di vita desiderato anche dopo la fine dell’attività lavorativa (gap pensionistico pubblico), pena un drastico ridimensionamento o  un potenziale peggioramento.

Per superare questo gap previdenziale pubblico corre in soccorso la previdenza complementare e integrativa costituita dai versamenti personali privati e che opera attraverso il sistema della contribuzione definita, le cui prestazioni finali dipenderanno dai contributi versati negli anni e dai rendimenti ottenuti con gli investimenti fatti approfittando dei mercati finanziari.

Di seguito i 3 step necessari per assicurarsi un futuro sereno durante la fase pensionistica:

Verificare i dati della previdenza pubblica
Calcolare le somme governative erogabili
Programmare il futuro pensionistico desiderato

Contatti

  • Via Cattania, 1/a 41012 Carpi(MO)
  • info@studioftm.it

Guida Investimenti

Edit Content

Il primo passo per una corretta Pianificazione Previdenziale è di verificare la propria posizione contributiva accedendo ai dati personali presenti presso l’INPS (istituto nazionale della previdenza sociale), per poi controllare la correttezza dei dati inseriti nel cassetto previdenziale.

Con questo processo è possibile conoscere i requisiti necessari per accedere alla pensione pubblica, verificare se esiste anche la possibilità di accedere anticipatamente alla pensione,                      oltre a conoscere l’età giusta in cui si andrà in pensione, secondo i requisiti normativi vigenti.

Purtroppo, in Italia persiste il rischio di ricevere una pensione poco adeguata, che non va sottovalutato e che risulta al primo posto fra le minacce percepite alla sicurezza economica famigliare, derivante dai metodi di calcolo, dagli anni di contributi versati e dal sistema di contribuzione di appartenenza, dati impattanti e poco noti alla maggior parte dei futuri pensionati  

Edit Content

Il secondo passo della Pianificazione Previdenziale prevede di calcolare in modo più accurato possibile l’importo della rendita mensile netta percepibile in futuro con la pensione pubblica, tenuto conto della svalutazione monetaria che la somma erogabile subirà per l’inflazione.

Nel calcolo della pensione pubblica saranno incluse anche le ritenute fiscali e gli oneri previdenziali, inoltre verranno considerati altri fattori che incidono poi sul calcolo finale dell’importo lordo della pensione erogabile, come i contributi versati, l’età di accesso alla pensione, il sistema pensionistico di appartenenza, il reddito imponibile medio percepito negli ultimi anni lavorativi e il tasso di rivalutazione applicato ai contributi versati. 

Qualora dovesse risultare una posizione previdenziale complessa, derivante dai contributi versati in più gestioni previdenziali (dirigenti, liberi professionisti, autonomi, dipendenti, etc.), si valuteranno le diverse opzioni di coordinamento consentite (totalizzazione, cumulo, riunione, ricongiunzione) utili per impostare una corretta pianificazione previdenziale.

Edit Content

Infine, il terzo passo riguarda l’interazione con il cliente per individuare i suoi reali bisogni futuri e per quantificare la rendita mensile netta desiderata per vivere serenamente anche durante il periodo pensionistico, per poi intervenire nel caso di insufficienza della pensione pubblica.

Infatti, qualora la rendita mensile non risultasse sufficiente a garantire il tenore di vita desiderato al momento del pensionamento, si potranno consigliare i migliori fondi pensione disponibili sul mercato della previdenza integrativa, oppure, in altri casi, si potrà valutare la convenienza del riscatto di laurea e calcolare i costi/benefici di accrediti figurativi e contribuzioni volontarie. 

La lunga esperienza professionale sul campo finanziario consentirà di impostare un piano previdenziale efficiente e conveniente, libero da ogni conflitto d’interesse, mettendo in confronto tutti i tipi di fondi pensione (aperti, come i Pip, o negoziali, con versamento del Tfr).

Va anche sottolineato che la strategia più adeguata e personalizzata dovrà tendere a massimizzare il tenore di vita durante il pensionamento e non a generare maggiore ricchezza.

Choose Demos Submit a Ticket Purchase Theme

Pre-Built Demos Collection

Consultio comes with a beautiful collection of modern, easily importable, and highly customizable demo layouts. Any of which can be installed via one click.