Il secondo passo della Pianificazione Finanziaria è di analizzare il patrimonio attuale nel suo complesso per poi controllare se il mix di prodotti che lo compongono sia effettivamente adatto a soddisfare gli obiettivi futuri pianificati e desiderati oppure se, invece, sia opportuno fare delle integrazioni o delle modifiche tali da consentire il raggiungimento dei bisogni personali.

A tale scopo, è determinante esaminare se il patrimonio globale risulta ben diversificato oppure se invece è troppo concentrato verso una singola categoria di attività finanziaria (investimento), come per esempio con degli immobili italiani o con una specifica tipologia d’investimento, prestando anche la giusta importanza all’aspetto della liquidabilità degli investimenti, utile per fronteggiare delle eventuali spese impreviste importanti.

Pertanto, dal confronto di tutte le “Attività Finanziarie” (= Risparmio + Patrimonio Globale) con l’insieme di tutte le “Passività Finanziarie” (= Debiti a breve-medio-lungo termine) si ottiene il   controvalore della Ricchezza Netta Globale (RNG) e che fotografa il valore complessivo della situazione finanziaria  famigliare reale , aggiornato e quantificato ad una certa data.